dormire meglio

Dormire meglio con l’ipnosi

disturbi-del-sonno-rovigoL’ipnosi per dormire è una tecnica molto utile per risolvere i casi di insonnia  ma può essere applicata anche altre forme di problemi del sonno come il bruxismo. L’esperienza clinica e le ricerche scientifiche suggeriscono che sia partcolarmente efficace apprendere l’autoipnosi e quindi che le persone possano “fare propria” una tecnica che li aiuti a dormire meglio. Vediamo nel dettagli di cosa si tratta.

Ipnosi e sonno

 

Molti pensano erroneamente che l’ipnosi sia una forma di sonno. In realtà si tratta di uno stato particolare in cui il cervello attiva aree che nei normali stati di veglia non sono attive e che viene prodotto diverse volte in una giornata. Ad esempio quando guidate la macchina il cervello produce un leggero stato di trance. Perchè?

Molto semplice, perchè quando si guida si fanno due cose assieme. L’attenzione cosciente fa una sola alla volta perchè ce lo dicono le ricerche di neuroscienze. Per farne due il cervello ha bisogno di attivare aree profonde non attive negli stati di veglia che mandano in automatico i movimenti della guida (cambiare, premere i pedali, ecc…) e quindi produce uno stato di ipnosi. Vi è capitato di arrivare in un posto in auto e non ricordare pezzi di strada? Oppure che il tempo sia passato velocissimo? Questi sono due fenomeni ipnotici: amnesia parziale e distirsione temporale. Anche in questo caso le neuroscienze comunque hanno fatto chiarezza: in diversi esperimenti infatti si sono proposte attività simili alla guida in laboratorio mentre si registrava l’elettroencefalogramma (EEG) dei partecipanti. Si è poi indotta l’ipnosi nelle stesse persone. I risultati dimostrano che i valori dell’EEG sono identici in entrambe le condizioni.  Va da sè che mentre si guida non si sta dormendo. allora…

 

Perchè l’ipnosi per dormire aiuta il sonno?

 

Molte ricerche (Cordi e col. 2014; Becker e coll., 2015) hanno messo in luce che l’ipnosi aumenta il sonno ad onde lente. Tradotto in parole semplici: garantisce un sonno più riposante. Ciò accade perché in stato ipnotico si attiva un’onda cerebrale definita onda theta tipica del sonno profondo come dimostrato da Reinville (2002).

Inoltre la tecnica dell’ipnosi si è dimostrata utile in diversi problemi del sonno come insonnia e bruxismo (Wood e Zadeh, 1999; Dowd, 2013)

 

Riassumendo quindi l’ipnosi per dormire:

-Rilassa il corpo quindi attraverso il rilassamento ipnotico

-Aumenta le fasi di sonno profondo garantendo un sonno più riposante

-Riduce l’ansia, ove questa sia presente

-Aiuta a combattere i principali disturbi del sonno.

 

Per contattare uno specialista in ipnosi potete compilare il modulo seguente o visitare la

pagina dei nostri professionisti

 

Modulo di Contatto

 

Verifica

per approfondire vedi anche ipnosi e insonnia: l’ipnosi aiuta a dormire meglio?

per approfondire vedi anche Come funziona l’ipnosi?

 

Leave a reply

required